Glifosato nella pasta: l’inchiesta choc e le marche a cui stare attenti!

Glifosato nella pasta: l’inchiesta choc e le marche a cui stare attenti!

Hai sentito parlare di glifosato nella pasta e vuoi saperne di più? Oppure è la prima volta che senti parlare di questa sostanza e vuoi scoprirne la reale tossicità?

In questo articolo approfondiremo l’argomento e scoprirai: cos’è il gifosato, la sua tossicità, le marche di pasta che contengono glifosato (e pesticidi) e le marche di pasta senza glifosato. Scoprirai inoltre se le marche di pasta che acquisti abitualmente (Barilla, Rummo, De Cecco, Coop, Voiello ecc..) contengono glifosato oppure no.

Pronto a iniziare questo viaggio di scoperta?

 

 

Cos’è il glifosato nella pasta e qual è la sua tossicità?

Il glifosato è un erbicida introdotto negli anni Settanta ed è impiegato tuttora in agricoltura. E’ dichiarato “probabilmente cancerogeno” dall’AIRC in termini di tossicità e per questo la sua soglia di presenza nei prodotti alimentari è stata fissata per legge.

Questa sostanza è stata portata all’attenzione dei consumatori attraverso un servizio televisivo condotto da Striscia la Notizia. In questo servizio venivano mostrati i risultati di un’indagine condotta dalla rivista Il Salvagente su 23 pacchi di pasta che siamo normalmente abituati ad acquistare al supermercato.

Il glifosato non è l’unica sostanza a cui si deve prestare attenzione. Nella pasta infatti possono essere presenti anche altre micotossine, nocive per la salute umana (specialmente se abitualmente assunte).

 

Le marche di pasta che contengono glifosato e micotossine

Il Salvagente ha analizzato 23 pacchi di pasta italiana, riscontrando tracce di glifosato in 11 di questi. Sebbene il glifosato sia stato trovato come traccia nella pasta (al di sotto dei limiti di legge), sono state trovate altre micotossine e pesticidi. Il risultato, com’è stato commentato dall’oncologa Patrizia Gentilini, è un possibile e pericoloso effetto cocktail a danno della salute. Inoltre, se consideriamo l’assunzione di questa pasta da parte di bambini sotto 3 anni, il rischio è ancor maggiore.

Ma quali sono le marche analizzate e quali sono i risultati effettivi dell’indagine?

Per maggiori informazioni sull’inchiesta vi rimando al report completo sul sito de Il Salvagente.

Riassumo per voi qui sotto i risultati dell’indagine.

Tracce di una singola molecola sono state trovate nelle marche: Garofalo, Del Verde, Barilla integrale.

Una peggior circostanza è quella verificatasi nei campioni Lidl, Barilla, Coop, Divella, Esselunga e Granoro. Questi campioni infatti hanno riportato la presenza di ben due molecole di glifosato. Nella pasta Molisana integrale sono state trovate invece 3 molecole e purtroppo in quella Eurospin ben 5 residui. 

Per quel che riguarda altre micotossine analizzate, solo nei casi di Lidl (pasta Combino) ed Eurospin (pasta Tre Mulini) il livello è risultato superiore a 300 mcg/kg e dunque oltre la soglia ammessa dei 200 mcg/kg.

 

Pasta senza glifosato: quale scegliere?

Per la nostra sicurezza e per la sicurezza dei nostri bambini, resta ancora una volta da preferire la pasta biologica e artigianale.

Se mi seguite su Instagram (qui di seguito vi lascio il link al mio profilo: BIOMAKEUP – INSTAGRAM) sapete che curo la mia alimentazione quotidiana e presto attenzione a quello che acquisto.

Una pasta che posso consigliarvi e che preparo spesso per la mia famiglia è quella Girolomoni. Si trova in formati da adulti ed anche da bambini (per Davis acquisto spesso l’alfabeto ad esempio). E’ ottima ed è realizzata con grano Senatore Cappelli (una varietà più rara, ricca di ottimi nutrienti per il nostro organismo). Inoltre, trovo che abbia un buon rapporto qualità-prezzo.

Ecco qui sotto i riferimenti per l’acquisto dal sito Macrolibrarsi (dove acquisto spesso alimentari biologici): PASTA GIROLOMONI

 

 

Condividete questo articolo e fate informazione perché è dal piccolo che le cose si smuovono e possono cambiare. Chissà che la pressione mediatica induca anche le grandi aziende a migliorare i loro prodotti, proponendo pasta più salutare per i consumatori.

Un bacio e a presto!

Deborah

 

Pin It on Pinterest