Tipologie di pelle & Skin-care: la pelle mista e la pelle grassa

Tipologie di pelle & Skin-care: la pelle mista e la pelle grassa

Visto che c’è sempre molta curiosità su quest’argomento, ho deciso di iniziare una rubrica aggiornata sulle varie tipologie di pelle per insegnarvi a riconoscerle e attuare per ciascuna di esse la giusta skin-care.

Oggi vedremo insieme le caratteristiche della pelle mista e della pelle grassa e come prendersene cura!

Visto che ci sono moltissime cose da dire, direi di iniziare subito a vederle insieme!

 

tipologie di pelle: pelle mista e pelle grassa

 

Tipologie di pelle: la pelle mista

La pelle mista si riconosce perché nella zona T (caratterizzata da naso, mento e fronte) è generalmente untuosa e più ricca di sebo, mentre nel resto del viso si presenta secca. A volte la differenza nella produzione di sebo tra la zona T ed il resto del viso è molto accentuata (molto spesso in questo caso mi dite che la pelle è grassa nella zona T e molto secca altrove), altre volte invece questa diversità è poco marcata.

Questa tipologia di pelle è spesso la più difficile da trattare perché non è semplice trovare creme che soddisfino le esigenze di tutte le aree del viso.

La giusta skin-care in questo caso è riequilibrante e sebo-regolatrice. Il mio consiglio per la skin-care in questo caso è quello di optare per un gel detergente delicato, che pulisca senza disidratare. Questa tipologia di detergente è adatta perché non tende a sollecitare eccessivamente le ghiandole sebacee nella zona T, ed è comunque delicato anche sulle aree più secche del volto. Abbinato a questo detergente suggerisco di usare un idrolato anti-batterico nella zona più grassa del viso (ottimo ad esempio è quello di Salvia, Hamamelis o Rosmarino). In questo modo combatterete le imperfezioni che il sebo in eccesso tenderà a creare e ridurrete anche il volume dei pori dilatati.

Dopo la pulizia, arriva il momento dell’idratazione. Non dimenticatevi che anche se in alcuni punti appare grassa, la pelle ha comunque bisogno di essere idratata. Scegliete creme con basso contenuto di oli/burri (perché dove la cute è grassa non ha bisogno di nutrimento) e contenenti ingredienti idratanti adatti a tutte le tipologie di pelle come l’Acido Ialuronico. La soluzione perfetta in questo caso è scegliere una crema leggera e applicarne una dose bassa dove la pelle è grassa ed una doppia dose invece dove la pelle è secca.

La pulizia settimanale della pelle mista si realizza invece con uno scrub e 2 differenti maschere. Sulla zona T andrete ad applicare una maschera purificante a base di argilla (preferibilmente bianca) ed invece sulla zona secca del viso applicherete una maschera dalla funzione idratante. In questo modo riequilibrerete rapidamente la situazione!

Tipologie di pelle: la pelle grassa

La pelle grassa è una tipologia di pelle caratterizzata da una gran produzione di sebo, che tende a ungere il viso in più parti. A differenza della pelle mista, non ci sono aree del viso dove la pelle è secca e tira. Possono però esserci (e generalmente ci sono) zone dove la pelle è più grassa che altrove. Generalmente le zone più grasse sono sempre quelle di naso, fronte e mento. Talvolta si aggiunge anche la zona delle guance più vicina al naso.

La pelle grassa, proprio perché eccessivamente coperta di sebo, può presentare imperfezioni come brufoli, punti neri e pori dilatati. Tutte queste caratteristiche, sono segno che la pelle non respira bene ed è “soffocata” dall’eccesso di sebo prodotto. Al sebo si aggiungono i batteri ed ecco che insorgono problemi cutanei.

La giusta skin-care in questo caso è purificante. Attenzione però a bilanciarla adeguatamente perché nel caso della pelle grassa è sbagliato “sgrassare” troppo. Se andate a pulire troppo in profondità la pelle grassa, otterrete l’effetto contrario (re-bound): le ghiandole sebacee sentendo una carenza di sebo lavoreranno il doppio per supplirvi.

Come fare allora?

Scegliete per la pulizia quotidiana un gel detergente senza agenti detergenti aggressivi come SLS-SLES e ricco di estratti vegetali purificanti e astringenti come la Bardana, l’Hamamelis e il Pompelmo. Ogni 3-4 giorni procedete a esfoliare delicatamente la pelle con uno scrub apposito per il viso ed una maschera a base di argilla. Vi consiglio di optare per l’argilla verde o gialla in caso di imperfezioni, per l’argilla bianca invece in caso di sola pelle grassa. Mi raccomando, non lasciate mai seccare la maschera sul viso perché altrimenti priverete la pelle della sua dose di acqua, disidratandola.

Non aggredite la pelle grassa con trattamenti troppo esfolianti (scrub molto potenti) oppure un eccesso di prodotti per la pulizia. Una routine semplice ma regolare vi assicurerà ottimi risultati.

Per quel che riguarda l’idratazione, suggerisco di puntare su prodotti molto leggeri e facili da assorbire per la pelle. Se la pelle è molto grassa, meglio optare per un siero acquoso, leggero e di facile assorbimento. Insistere con le creme opacizzanti rischia infatti di peggiorare solo la situazione. Le creme opacizzanti vanno bene infatti principalmente come base trucco.

Io spero che questi consigli vi siano utili e se avete qualche domanda o volete un consiglio personalizzato, vi ricordo che potete scrivermi una e-mail (sono sempre felice di rispondervi!): debyvany91@biomakeup.it

Un bacio e a presto!

Deborah

Pin It on Pinterest